ELIANT rappresenta le persone che vogliono vivere in un Europa culturalmente diversa, con libertà di scelta per quanto

riguarda l’educazione, l'economia, la riforma sociale, l'agricoltura biologica e la medicina complementare o integrata.

ELIANT +„Alleanza per l’istruzione umana” / Bündnis für humane Bildung 21 gennaio 2021


L’istruzione umana richiede l’apprendimento analogico

Petizione per scuole materne ed elementari libere da schermi

 

96.294 persone in tutta Europa hanno sostenuto con la loro firma quanto „Alleanza per l’istruzione umana“ chiede da anni:
il mantenimento della possibilità di scelta a favore di scuole materne ed elementari libere da schermi.
Insegnanti ed educatori devono decidere autonomamente se e per cosa impiegare media digitali come supporto educativo. „Questo vale in modo particolare per i primi dodici anni di vita, in cui si collocano lo sviluppo senso-motorio e i passi sociali ed emotivi fondamentali del processo di maturazione“, spiegano il Prof. Ralf Lankau dell’Alleanza e la pediatra Dr.ssa Michaela Glöckler, Presidente di „Alleanza Europea di Iniziative per l’Antroposofia Applicata“ (ELIANT). Entrambe le organizzazioni si dichiarano responsabili di questa petizione.

 

Il retroscena: La Commissione UE ha stabilito un „Piano d’azione per l’istruzione digitale 2021-27“. Vi occupano una posizione centrale la „promozione di un ecosistema educativo digitale prestante“ e „il rafforzamento delle competenze digitali della popolazione nell'epoca digitale“. Lankau e Glöckler affermano in questo contesto: „Al cospetto di questo orientamento digitale, dobbiamo rendere giustizia anche alle esigenze educative umane e attinenti al mondo reale dei bambini.“ Al riguardo, l’Alleanza ed ELIANT si rivolgono con proprie proposte ai Parlamentari UE che stanno lavorando al „Piano d’azione per l’istruzione digitale 2021-27“.

Alleanza ed ELIANT considerano ovvio che la scuola trasmetta competenze digitali. „Tutto a suo tempo però“, sottolinea Lankau. I bambini hanno diritto a un periodo dello sviluppo, per conquistare con tutti i sensi, attraverso il movimento e il gioco creativo, il loro ambiente nel mondo reale. Perciò le scuole materne ed elementari devono avere la possibilità di rimanere libere da schermi. Non si dovrebbe pervenire a unilateralità digitali: „Solo la combinazione di esperienze sensoriali e motorie reali fa sì che i bambini si ancorino in maniera sana nello spazio e nel tempo“, dice la Dr.ssa Glöckler. Così diventa possibile uno sviluppo fisico e spirituale consono all’età. La petizione chiede precisamente il rispetto di questo diritto a un periodo dello sviluppo. „Oltre 96.000 sottoscrittori costituiscono un vigoroso appello per questa importante esigenza“, afferma il Prof. Lankau.

 


 

Alleanza ELIANT:
Nel 2006 dieci organizzazioni ombrello attive a livello europeo hanno fondato l’„Alleanza Europea di Iniziative per l’Antroposofia Applicata“ (ELIANT). L’Alleanza si batte, in vari ambiti di vita e campi di attività, per una migliore qualità della vita e per la molteplicità culturale in Europa.
 

Sito web: https://eliant.eu/home

„Alleanza per l’istruzione umana“ / Bündnis für humane Bildung:
Docenti universitari, scienziati e cittadini impegnati hanno fondato nel 2017 l’„Alleanza per l’istruzione umana“. Questa è la loro convinzione: l’istruzione non si può digitalizzare! Gli strumenti digitali possono solo sostenere i processi educativi. Servono alternative.

Sito web: http://www.aufwach-s-en.de

Contatto stampa:
Lora Ivanova / Mob. +359 89 5523703 / lora.ivanova@eliant.eu
Ingo Leipner / Mob. 0162/8192023 / i_leipner@aufwach-s-en.de

Scaricare informazioni per la stampa (PDF)